Home Curiosità TEATRO COMUNALE DI SIRACUSA. IL VERNISSAGE E LA PRIMA.
TEATRO COMUNALE DI SIRACUSA. IL VERNISSAGE E LA PRIMA.
0

TEATRO COMUNALE DI SIRACUSA. IL VERNISSAGE E LA PRIMA.

346
0

TEATRO COMUNALE DI SIRACUSA. IL VERNISSAGE E LA PRIMA.

di Michele Buonomo

Bene la prima al Teatro Massimo Comunale di Siracusa, riaperto dopo 57 anni, lo scorso 26 dicembre. Gran pienone con platea e palchi coperti in ogni ordine di posto fatta eccezione per il loggione.
“Vernissage” di gran classe che ha visto esordire il Coro lirico dei “Conca d’Oro” diretto dal maestro Domenico Guzzardo accompagnato dagli “Archi Ensamble” che hanno aperto con un brano della Cavalleria Rusticana. Proprio con questo pezzo si chiuse, nel lontano 1958, il Teatro oggi riaperto. Importante partecipazione pure del duo formato da Mario Stefano Pietrodarchi con il “tanguero” bandoneon e dal soprano Natalia Demina.

Volta e Palchi (ph. pagina facebook del Teatro)
Volta e Palchi (ph. pagina Facebook del Teatro)

IL PROGRAMMA DEGLI SPETTACOLI DI APERTURA

All’inaugurazione hanno fatto seguito, nei giorni a seguire :”Uno,nessuno e centomila” di Luigi Pirandello con la straordinaria partecipazione dell’attore siracusano Enrico Lo Verso.
The Far East Suite” di Duke Ellington con la Sudest Jazz Orchestra.
Un repertorio di Boheme, Traviata, Il barbiere di Siviglia, Tosca, Norma, Puritani ed altre ancora tra le opere più belle del mondo lirico internazionale. Straordinarie poi le partecipazioni del tenore Giuseppe Distefano, del soprano Marianna Cappellani, del baritono Gianni Luca Giuga, accompagnati al pianoforte dal Maestro Ivan Manzella .
Previste pure visite teatralizzate, Galà Lirico ed il concerto di capodanno “Invito al Valzer” con il maestro Sciortino.
Il Teatro comunale si avvarrà di 406 posti, eccezion fatta per i 70 del loggione per ora escluso. In futuro si procederà ad un progetto di gestione del teatro posto al vaglio del consiglio comunale.
Sarà la giunta a proporre un’idea che verrà esaminata e votata.
In linea di massima si lavorerà su una partneship pubblico/privata che coinvolgerebbe l’Inda (Istituto nazionale del Dramma antico). Giungendo così ad una gestione adeguata che in questa prima fase si avvale della consulenza di esperti come Mariano Anagni, docente di Produzione ed organizzazione teatrale all’Università di Firenze, oltre che produttore esecutivo teatrale e cofondatore della compagnia Lavia-Anagni con Gabriele Lavia.

Esterno Teatro (ph. pagina facebook del teatro)
Esterno Teatro (ph. pagina facebook del teatro)

LA STORIA TRAVAGLIATA DEL TEATRO

La storia del Teatro Comunale di Siracusa è molto complessa e travagliata.
L’edificio , sito in Ortigia, venne inaugurato nel 1897, rimanendo in funzione sino al 1957 quando venne chiuso per lavori di manutenzione, e come noto riaperto agli spettacoli il 26 dicembre scorso.
La costruzione del Teatro risale al 1872. L’opera fu commissionata dal sindaco Alessandro Statella all’ingegnere militare Antonino Breda. Nel 1875 subentrò l’ingegnere Giambattista Basile che suggerì delle modifiche. Tre anni dopo a causa della rinuncia dello stesso venne nominato l’architetto Giuseppe Damiani Almeyda, già autore del Teatro Politeama di Palermo, per eseguire le perizie. Questi propose di demolire quanto fino ad allora realizzato. Nacque così un lungo contenzioso giudiziario che si concluse con l’avvio dei lavori nel 1887 terminati nel maggio 1897.
Nel 1952 il teatro venne restaurato, ma nel 1957 dopo la rappresentazione del Trovatore di Verdi, della Boheme di Puccini e della Cavalleria Rusticana di Mascagni venne chiuso a causa dell’abbattimento di Palazzo Barresi, accanto alla struttura.
Nel corso degli anni diversi sono stati gli interventi all’interno della struttura. Nel 2010 il Comune ha sottoscritto un mutuo per completare gli impianti elettrici e idrici, completando a quel punto la struttura. Il non totale completamento dell’impianto antincendio ha determinato la conseguente mancanza di agibilità.
Nel 2013 il teatro, con una parziale apertura, ha ospitato una serata con le riprese di uno spot televisivo di Dolce & Gabbana. Per l’occasione i due stilisti hanno regalato i due meravigliosi lampadari di Murano posti all’ingresso. Dal 2015 la struttura è diventata fruibile a visite guidate a cura e gestione della società Erga.

Interno Teatro Comunale (ph. Roberto Giuliano)
Interno Teatro Comunale (ph. Roberto Giuliano)

CARATTERISTICHE DEL TEATRO

Il teatro è imponente nel suo aspetto. Caratteristico l’ingresso principale con un grande porticato per la sosta delle carrozze. Sulle facciate sono presenti delle decorazioni con maschere teatrali e simboli di muse. All’interno un grande open space dal quale si accede alla direzione, al guardaroba, all’ingresso della platea, al caffè e a sinistra e a destra alle scale dei palchi.
Accedendo alla sala ciò che risalta subito alla vista è la magnificenza della volta centrale, realizzata da Giuseppe Mancinelli, dedicata a Dafne . Nella rappresentazione la ninfa si trova dentro un bosco popolato da altre ninfe.
(qui il video http://www.siracusanelmondo.com/video/video-teatro-comunale-siracusa/)
La struttura, al suo interno, si configura come il tipico teatro all’italiana dalla rituale forma della sala a ferro di cavallo. Osservando la scena si nota la fossa dell’orchestra così realizzata affinche’ la musica non copra la voce degli attori e dei cantanti. Oltre ad una maggiore profondità, rispetto ai tradizionali teatri, che consente maggiore movimento agli attori e al cosiddetto backstage: quindi al lavoro di truccatori, scenografi, macchinisti.
Storicamente i posti per il pubblico sono divisi, così come in questo teatro, in platea (destinata alla classe media), palchi (destinati ai nobili) e oggione ( riservato alla classe piu’ bassa). Qui i poveri stavano in piedi e se erano piu’ fortunati avevano qualche panca.
Dal punto di vista iconografico il teatro si presenta come un miscuglio estremamente equilibrato tra tutte le esperienze artistiche precedenti. Il diciannovesimo secolo, definito eclettico dal punto di vista artistico, è il compendio degli stili neoclassico, barocco e neorinascimentale.
Il Gustavo Mancinelli, figlio del sovracitato Giuseppe, riesce a fondere gli stili precedenti in una perfetta armonia.

(346)

Michele Buonomo Siracusa nel Mondo..il Mondo a Siracusa In che maniera Siracusa viene percepita nel mondo, come la si può proporre, esaltandone virtù e bellezza. Attirando in questo modo quanti più turisti possibile. Il turismo ,unica vera strada da intraprendere per il futuro economico di questa terra, a supporto di altri settori collaterali.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi