Home Travel IL TEMPIO DI APOLLO
IL TEMPIO DI APOLLO
0

IL TEMPIO DI APOLLO

478
0

IL TEMPIO DI APOLLO

di Michele Buonomo

Un colpo d’occhio che non ha eguali al mondo: all’ingresso dell’isola di Ortigia. In largo XXV Luglio, in prossimità dello storico Mercato cuore propulsore del centro storico, sorgono i resti del Tempio di Apollo.
La cosiddetta “via sacra” ,oggi identificabile nell’odierna asse viaria tra via Dione e via Roma, conduceva a questo tempio ritenuto dagli studiosi il piu’ antico di origini doriche risalente per la precisione al VI secolo a.c.

 Tempio-di-Apollo-ph.-Jessica-Di-Trapan
Tempio di Apollo (ph. Jessica Di Trapani)

Il Tempio ,che misura circa 60 metri per 25, è orientato a est mantenendo le caratteristiche tipiche di tutti gli edifici equivalenti della Magna Grecia. Da notare come le colonne, ben 6 sul lato piu’ breve e 17 su quello piu’ lungo, siano molto toste e ravvicinate avallando l’arcaicità del monumento in una precisa fase storica: quella che contrassegna il passaggio dell’utilizzo del legno alla pietra in fatto di architettura templare.

 

La struttura era formata da tre navate, divise da colonnati a due ordini. Sopra uno dei gradini del lato est è riportata un’iscrizione dedicata al dio Apollo con accanto la dicitura dell’ideatore( un certo Kleomene) e del costruttore( un tale Epikles).

Resti Tempio di Apolo (ph. Jessica Di Trapani)
Resti Tempio di Apolo (ph. Jessica Di Trapani)

Per la costruzione del Tempio di Apollo si adoperò il tipico calcare siracusano il cui trasporto venne agevolato da un sistema di canali. Ciò si ritenne necessario dato il costo piuttosto esoso del trasferimento di marmo greco. Quasi tutti i templi greci edificati in Sicilia seguirono questa linea riservando l’uso del marmo alle sole statue degli dei.
Le successive dominazioni, nel corso dei secoli , diedero un’impostazione diversa alla struttura.

 

Prima chiesa bizantina e poi moschea araba. Successivamente chiesa normanna per trasformarsi addirittura in caserma spagnola.
Gli accurati studi archeologici a partire dal XVIII secolo restituirono la giusta dimensione al Tempio consacrandolo alla fama mondiale che oggi lo propone tra le strutture per tipologia piu’ importanti al mondo. I moderni scavi del 1942 consegnarono il Tempio alla citta’ , in tutto il suo splendore, liberandolo da sovrastrutture soffocanti che lo rendevano irriconoscibile.

(478)

Michele Buonomo Siracusa nel Mondo..il Mondo a Siracusa In che maniera Siracusa viene percepita nel mondo, come la si può proporre, esaltandone virtù e bellezza. Attirando in questo modo quanti più turisti possibile. Il turismo ,unica vera strada da intraprendere per il futuro economico di questa terra, a supporto di altri settori collaterali.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi